Capodanno pisano. Se ne parla a Livorno – da Briaifu’ (Le avventure di Favollo e Gangillo)

Favollo e Gangillo s’incontrano per caso ai giardini della stazione ferroviaria di Livorno.

F – O Gangillo, ‘sa ci fai alla stazione?
G – Dé, volevo andà a Pisa a festeggià ’r capodanno.
F – No!… dio, ti senti bene? Ciai topini, ’he t’ha fatto ieri sera tu madre ’nsullo stomao?
G – Dé, ma perché? Vado a Pisa a festeggià, un tò mia detto ’he vado a buttammi gnudo nell’Arno .
F – No, te m’ai detto ’he vai a festeggià ’r capodanno. Ma lo sai vanti n’abbiamo oggi? Seondo te la primavera di domenia scorza ’hi l’ha festeggiata? In Australia no, siamo d’accordo, come ’n artri Paesi, ma qui ’n Italia, ’hi l’ha festeggiata?
G – Perché, la primavera si festeggia? O da quando?
F – Ma nooo, si fa per dì! Ner senso ’he se n’è parlato dappertutto di vesta primavera ‘he astronomiamente è arrivata ir 20 marzo e no ’r 21. Più precisamente se lo voi sapé è arrivata alle ore 23 e 21 minuti.
G – Dé, e ci manca dimorto a esse ’r 21 marzo!
F – Sì, vabbene… aragione, ma l’orario un è mia ’na fantasia, se ciai da prende ’r treno, e ci vai ’n orario alla stazione, no? Ora, per esempio, a che ora ce l’hai ’r treno pe andà a Pisa?
G – Alle 10, perché ciò da andà a piedi alla ’hiesa di San Ranieri.
F – Boia dé… C’hai ’r treno alle dieci e all’otto siei già qui? Artro ‘he ‘n orario siei venuto… Boia dé!… ‘Hiamatela paura di perde ‘r treno.
G – Perché son giàll’otto?
F – No! No! Siei bello rosso e bianco, manca ir verde e poi siei a posto anco per i 150 anni dell’Italia.
G – Te dici? Ma un mi manca mia ir verde, ce l’ho nelle tasche! Boia! dè!…Sì! ’Nsomma, un mi riusciva di dormì e allora mi sono arzato e m’è venuta ’n mente vesta ’osa vì, e così mi son detto: Gangillo, vai a vedè questa ’osa nova ma vecchia, vai a Pisa alla zitta e vai a spià ‘sa fanno i pisani peddì che fanno ’r capodanno pisano.
F – Ah! Ecco!… Allora ti voglio arraccontà ’na ’osa sull’equinozio.
G – Sur che? Sur cavallo der tu zio?
F – Oddai Gangi, siei sempre ‘r solito. Te l’ho detto prima. Ma mi stai a sentì o no?
G – Dai scemo… scherzavo!… Vieni, dimmi ’sa ciai da dì…
F – No, niente… Volevo solo fatti sapé che anco Dante nella Divina ’ommedia ha rammentato l’equinozio, anzi gli equinozi, sia vello di primavera ’he quello dell’autunno. Ha scritto ’osì:

Da diversi punti dell’orizzonte surge ai mortali nel decorso dell’anno il Sole, ma mai non tiene un corso sì propizio per tutto insieme il Globo, nè sorge congiunto con si benigne costellazioni, che quando sorge da quel punto equinoziale, ove i quattro gran cerchi, l’Orizzonte, l’Equatore, lo Zodiaco, e il Coluro degli equinozi, intersecandosi, formano tre in crociaiture: allora quest’Astro produce la più grata temperie, e le più benefiche modificazioni sulla mondana cera, cioè sul Globo terrestre, a suo modo, cioè esercitando esso allora più generalmente e con più efficacia la virtù sua propria di vivificare, e fecondare il nostro Globo.
(Poggiali-Vernon, Ginori-Conti, Il codice dei Commenti alla Commedia, Tomo IV, Cantica III, Paradiso, pag. 196)

La parola “equinozio”, se lo voi sapé, e viene dal latino e significa “notte uguale” cioè che ’r numero d’ ore notturne è li stesimo di velle della luce der giorno. È ’r principio della metà luminosa delle 24 ore, e quando le ore di luce superano le ore di buio è ’r primo giorno della primavera, la stagione della rinascita…
In morte ‘urture viene associata alla fertilità, all’inizio e anco alla resurrezione. Tanti sono i miti legati a questa stagione vì, la storia è piena di tradizioni popolari che si basano nsur concetto di sagrificio e la rinascita poi. ‘N Grecia e ’n tutto ’r territorio ellenio dopo l’arrivo della primavera si svolgevano le Adonìe, feste ’he riordavano la resurrezione di Adone ucciso da un cignale (ir cignale si dice ‘he fosse ir dio Ares geloso di lui perché la dea Afrodite lo preferiva a lui).
G – Adone? Chi, vello della pasticceria e della baracchina alla Rotonda d’Ardenza Mare? Boia dé, come son bone le su sfogliatine alla mela… uhmmm… mi vien l’acquolina in bocca, ciò biasciotti vì, a’ lati della bocca… Bone dè!… Boia, ’ome son bone! È un po’ ’he un ci vò, bisogna ’he ci vada, mi manca la su robba bona, dè, Anco ’r gelato è bono e anco ’r caffè. Te un ci vai mai? Vacci vai, da retta a me! Uando passi di lì, facci ’na fermatina…
F – Macché Adone della baracchina alla Rotonda. Ma senti vesto vì cosa ti tira fori! Adone seondo la mitologia greca nacque da su madre Mirra ‘he era ‘nnamorata di su pa’, cioè ir nonno di Adone ‘he si ‘hiama Cinira, e che era re di Cipro… un ti sto a arraccontà cos’è successo… Un casino dell’ottanta…
G – Ma chi se ne frega! Penso a lui, io! Un guardo mia mai i firmi vietati e un leggo quasi mai nemmeno ir vernaoliere, a parte le loandine ’he son tutte un programma… Vella di vesto mese vì poi… Boia dé! Però son de ganzi, lì dentro… Ne scriveranno di ’ose sceme?
F – Ma no! Uffa! Un ti sto a raccontà nulla perché è ‘na storia lunga…
G – E ci ’redo! Quant’anni fa la gente ‘redeva agli dei in Grecia, in Babilonia e dintorni?
F – Come siei scemo, dè!!! Apparte ’r fatto ’he anco i tu lontani parenti c’avevano gli dei da adorà…
G – Ma chi? I mi nonni? Un l’ho mai saputo…
F – Oioi lulì, dé!!! Macché nonni, parlo degli etruschi! Ma te di dove vieni, un siei di Livorno te?
G – Sì!
F – E allora? Siei ‘n etrusco no?
G – Ahhh!… Ho capito!… Ecco perché quell’artra pasticceria si ’hiama Pasticceria Etrusca, un era ir su ’ognome vello scritto sulla tenda
F – Ma caa dici???
G- Dé… e dici i mi lontani parenti, ’hiamali lontani… artro ’he lontani sono… È lunga sì, la storia da raccontà.
F – Sì, vai! Vabbè! Un’artra vorta ti spiego quarcosa di vesti vì… la voi sentì vella storia lì, ti garba? Poi te la racconto eh! Ora ti finisco ‘ discorso di prima. Allora, il mito è, pe falla breve, (‘ome ‘r processo di Berlusconi) che Cinira dopo aver scopato ar buio ‘on la su figliola che era ancora vergine, … be’ no… via!… son tentato di arraccontatti tutta la storia, ma è lunga e un ci ’apiresti nulla. Via, prima o poi te la racconterò… Ti di’o solo vesto, che Adone è nato dar tronco d’un arbero. Ecco perché è ir dio della rinascita e della vegetazione.
G – Ah! Ecco perché quand’ero piccino mi dicevano ’he ero nato sotto a ’n cavolo. Ir giardino un ci s’ aveva, vindi nemmeno l’arbero e accanto a noi ci stava un contadino. Avoglia a cavoli!… Eh! Sì. Dov’esse proprio ‘osì! Per i mi genitori ero un Adone…
F – Sì,… peccato ‘he poi ti siei sciupato crescendo…
G – Sì! O vai! Vest’artra vorta mi racconti di vesti vì… M’interessa sapé deii cavoli der mi vicino di ‘asa di vando ero piccino… ’Nsomma, arritorniamo a Adone, che mi dicevi era nato dar su nonno che aveva scopato la su figliola. Si vede ’he ni garbavano le vergini, uindi era di siuro ‘na bimbetta… Toh! O guarda un po’ ‘sa mi viene ’n mente ora: Ma Berlusconi un ce n’ha figliole sparse ner mondo ’he sono ’nnamorate di lui, ’ome Mirra? ’On tutte le bimbette ’he ni girano ’ntorno ‘he manco lui sa chi sono e nemmeno vantanni hanno, ci potrebbe anco sta che ne scopi una venuta da chissà dove, ’he s’infirtra perché è ’nnamorata di lui fin da piccina, ner mucchio che gioa con lui ar bunga bunga, lui un la ‘onosce preso ’om’è da tutti i su lavori e ci rimane ‘ncastrato… ‘Ncastrato ho detto no castrato… Be’, in fondo, in questo caso è la stesima ‘osa. E ‘apace Berlusconi è parente alla lontana, ma dimorto lontana, di Cinira.
F – Sì! Va bene vai! La tu stronzata quotidiana l’hai detta, ora fammi finì di ditti del bell’Adone, ‘r figliolo di Berlu… no, scusa, volevo dì, di Cinira.
Mi fai parlà ora? Allora, anche un’artra festa riorda la storia, quella assiro-babilonese che è la ’opia giusta giusta di vella ellenia, i su personaggi si ’hiamano: per Adone ir dio Tammuzze (Tamuz) e per Afrodite la dea Ishtarre (Ishtar).
Devi ‘apì ‘he la primavera era la stagione dell’accoppiamenti rituali, le nozze sacre in cui ir dio e la dea si accoppiavano per propiziare (propiziare non è una parolaccia) la fertilità. Una delle ‘ose ’he venivano fatte e ancora si continua a fa’, sono i foi di rito ’he venivano accesi nsulle ’olline e che seondo vesta tradizione, più rimanevano accesi e più la terra avrebbe dato in abbondanza i su frutti.

Come tante delle antie festività pagane, anche l’equinozio di primavera fu cristianizzato: la prima domenia dopo la prima luna piena ’he segue l’equinozio (data fissata nel IV secolo d.C.), i gristiani celebrano la Pasqua. Se si traduce la parola Pasqua in inglese essa si trasforma in Easter. Beh, senza smeningiassi troppo essa riporta a un’antia divinità pagana de popoli nordici, la Dea Eostere (Eostre o Ostara, “la stella dell’est” cioè Venere), paragonabile a Afrodite e Ishtarre, che presiedeva a antii curti (culti) legati ar sopraggiunge della primavera e alla fertilità de ’ampi. A Eostere era sacra la lepre, simbolo di fertilità e animale sacro in molte tradizioni. I Britanni associavano la lepre alle divinità della luna e della ’accia e i Certi (Celti) la ’onsideravano un animale divinatorio. In molte ‘urture, da quella cinese a quella ‘ndiana o afriana, campeggia l’immagine della lepre ‘mpressa nella Luna, tant’è che anco la stessa dea Eostere era ‘llustrata cor una testa di lepre. La lepre di Eostere, che deponeva l’ovo della nova vita per annuncià la rinascita dell’anno, è doventata ’oniglio di Pasqua de giorni nostri ‘he porta in dono l’ova, artro simbolo di fertilità.

[iframe width=”300″ height=”290″ src=”http://www.youtube.com/embed/fE-S-havpqg?rel=0″]
[iframe title=”YouTube video player” width=”300″ height=”290″ src=”http://www.youtube.com/embed/Qu2-3TR4vaU?rel=0″]

G – Bravo! Ecco! Io voglio andà a Pisa proprio perché nella ’hiesa di San Ranieri c’è un ovo ’he si deve illuminà a mezzogiorno e da quer momento ’ncomincia ir capodanno pisano.
F – Un ovo? Un ovo si deve illuminà? Ma cos’è ’na trovata nova? Certo ’on la tennologia d’ ora ci mancava anco l’ovo ’he sillumina… Ma è a pile o lo fanno illuminà da un faretto ’ome in discotea, bianco, rosso e verde, ’ome la bandiera italiana? Tanto, dé, siamo ’n tema di risorgimento, è tutto bianco, rosso e verde ’n giro. Approposito, l’hai sentita la ’anzone di Tricarico? Boia dé, com’è bellina! Vando l’ho sentita mi sembrava d’ésse tornato all’asilo dalle sore e rivedevo i mi amici ’he si faceva girotondo. Però è bellina, dai!…
G – Ma so na sega ’ome s’illumina! Io so che s’illumina, poi ’n so artro… E lo voglio andà a vedé apposta. Vando l’ho visto te lo dio.
F – Certo, un ciavevano artro da fa i pisani ’he ’nventà ’n capodanno tutto suo! E noi… un ce l’abbiamo? O, si potrebbe dì ar nostro sinda’o Cosimi se si fa anco noi na festa ‘guale a quella de pisani. Si potrebbe ’nventà ‘nvece der capodanno, l’ultimo dell’anno ir 26 marzo che ’nvece d’un ovo ‘lluminato, si potrebbe spenge tutte le luci della città. Tutte però eh! Tutta la città ar buio. Artro ’he l’ospidale pole rimané acceso.
Poi, all’otto di sera, ’osì anco i bimbini li possano vedé, si fanno du foi artificiali, e s’accende i foi a Montinero e ar Castellaccio, per propizià (l’hai detto te ‘he unè na parolaccia) la fertilità. Così nascano più bimbini ’he poi bisogna portalli all’asilo nido, poi alle materne e ’r Comune fa vaini e si frega tutti…Bellino no?
A quei pisani lì, Unni bastava avecci la torre ’he pende da quando è nata e un casca… Ma guarda te se lo dovevano fa a Pisa quer campanile lì. Un lo potevano fa alla ’hiesa di Piazza Magenta? No, si deve fa lì, a Pisa, ‘nzieme ar Domo… Mi par di sentilli velli ’he lo volevano ‘ostruì… E si ‘hiama sì piazza de Miraoli, più miraolo di vello lì. Guarda ‘om’è, se lo volevano fa così, l’avevano belle e fatto…
Poi, cianno l’Arno verde marcio, ‘he nei retoni del lungarno a Marina di Pisa ci rimangano sì i pesci, ma ’n bocca a’ tarponi!…
Poi, dé, cianno le zanzare tigri della Malesia, no! Un’è na specie nova, è quella ‘he c’è a Pisa, specialmente a Tirrenia, ’he pe falle morì bisogna ’hiamà Sandokan. Infatti, da quarche anno lo ’hiamano più spesso così guadagna un po’ di più, visto ’he in televisione un si vede più, e siccome cià dolori dell’età un lo fanno saltà più sotto la pancia della tigre, almeno rischia di meno e si diverte di più, speciarmente ’on la racchetta elettrica cinese, gioa che è na bellezza. È contento matto, guadagna e si diverte da morì. Sempre tigri sono!…
Poi, dé, se vai ’n Corso Italia e Borgo Stretto, c’è un puzzo di bottino ’he t’addormenta. Boia dè! Ma caa ci buttano lì dentro dé…
‘Nsomma, i pisani c’hanno un sacco di ’ose e ora anco ’r capodanno… Maaah!!!
G – Senti, è arrivato ’r treno! Domani ci si vede sugli scogli dell’Accademia, ‘osì ti racconto tutto!
F – Vai!… T’aspetto lì. Oh! Stai attento eh? Perché i pisani un ti ’onoscano, m’arraccomando uando vedi la luce sull’ovo un dì: BOIA DE’!!! Hai ’apito?
G – Un ti preoccupà, dirò: Ga-oh! Così un se n’accorgano! Ciao! A domani!

La mattina del giorno dopo, il 26 marzo 2011, Favollo e Gangillo si ritrovano sugli scogli dell’Accademia.

F – Gangillo, ’om’è ’r mare?
G – Bono, bono… l’acqua è carda.
F – Allora? Racconta vai… È da ieri ’he penso a sta stronzata der Capodanno Pisano.
G – Dé, senti… C’era un branco di gente ’n Chiesa a aspettà, c’erano anco velli travestiti…
F – Travestiti? Mamma mia!…
G – Noo! O cosa hai ’apito? C’erano velli in costume…
F – In costume? In chiesa? Mamma mia, ’ome siamo ridotti, siamo proprio ‘ascati in basso… Forse è un’usanza pisana? Prima d’andassi a buttà tra tarponi nell’Arno, vanno in chiesa?
G – Oioiii!… Favollo! In costume, sì, ma quello storico, vello der medio evo…
F – Accidenti! E son sempre boni vei ‘ostumi? Un si sono anco rotti?
G – Uimmena! Ma come siei scemo… Erano omini mascherati!
F – Megliooo!… O dove ni pareva d’esse?… A Viareggio? Un lo sanno ’he ‘r carnevale è finito da quer dì?
G – Sì! Vai!!! Aragione te! ’Nsomma velli omini lì, facevano un casino ’on que tamburi, ’he un ci si poteva sta… . Poi prima di mezzogiorno è cominciata la cerimonia religiosa dell’annunciazione e è arrivato ‘r momento in cui un raggio di sole attraversa le navate del duomo e si posa su una mensola nell’angolo del pilastro nero che regge la ‘upola. Tutti ma proprio tutti ci siamo messi a guardà in sù, verso l’ovo di marmo ‘he sta sopra vesta mensolina.
F – Eeee… e cosa c’era da guardà? Un ovo?
G – Sì! L’ovo ‘he ti dicevo ieri, un ovo ‘lluminato! Un raggio di sole è entrato da ‘na finestrina tonda della navata centrale ’he l’ha ‘lluminato. Era mezzogiorno. Solo ’he dice (lo diano i pisani, perché io un l’avevo mai visto e pe me poteva andà anco bene ’osì) ’he quest’anno un l’ha beccato ’n pieno l’ovo, ma l’ha sortanto accarezzato e solo dopo l’ha baciato.
F – Oh! Un dì cose sconce eh?
G – Ma dai! Vesta è poesia!… Te siei ’gnorante ’ome le ’apre zucche, ma cosa voi sapé!? Si dice ’osì: L’ovo è stato prima accarezzato, ‘nfine baciato dar raggio der sole a mezzogiorno preciso preciso. Solo ir 25 marzo succede ’he ’r sole si sofferma alcune decine di seondi in questo punto della cattedrale e per i Pisani segna l’inizio der capodanno pisano.
F – E cosa c’è di tanto ’nteressante? E se piove?
G – Se piove, boh! Guarderanno l’orologio. ’Nsomma è ’nteressante per ir fatto ’he quello è ’r momento ’he segna ir passaggio dar 2011 ar 2012 pe Pisa, e poi ho saputo che anco a Firenze si festeggia, ma ’n anno dopo. Vindi loro hanno ’ncominciato ora ir 2011 e Pisa è già ner 2012.
F – Boia dé!… che casino! Un bastavano i cinesi a fa ’r capodanno cinese e tutti vellartri ’he cianno i loro ’onti cor tempo, ora ci sono anco i pisani e i fiorentini a fa casino. Te lo ’mmagini se un fiorentino fa ’n assegno a un pisano ’he poi lo gira a un livornese? In banca ci doventano scemi…
O! Allora, se Pisa è già ner 2012, si guarda ’osa succede il 12 dicembre, ’osì ci si ’nforma e ni si va ‘n tasca ai Maya!
G – Ma dove le pigli? Ma vai, levati di vì, vai!… Un t’arracconto più nulla.
F – No! No! Voglio sapé tutto! E allora? Arracconta, dai finisci d’arraccontà.
G – Sì! Ma chetati ora! Dunque, dicevo ‘he i pisani ogni anno ripropongono l’inizio dell’anno secondo quanto accadeva nel periodo tra il 1200 e il 1749, questo capodanno si celebrava per la festività di Maria. L’anno aveva inizio ab Incarnatione, cioè dar momento dell’annuncio della maternità dato alla Vergine dall’Angelo Gabriele, cioè ner giorno dell’Annunciazione, esattamente nove mesi prima della nascita di Gesù pe riordà la su Incarnazione. Vesto calendario durò fino al 20 novembre 1749, giorno in cui ir Granduca di Toscana Francesco I di Lorena ordinò che in tutti gli stati toscani il primo giorno del gennaio seguente avesse inizio l’anno 1750, pe adeguassi ar Calendario Gregoriano.
Quindi lo Stato Pisano, formato più o meno dalle Province di Pisa e di Livorno di oggi, dovette fa li stesimo del resto della Toscana e usà ir calendario novo.
Pe esse certi di non sbaglià giorno pe festeggià l’anno novo, i pisani avevano ‘ostruito nella cattedrale na specie d’ “orologio solare”, vella finestrina tonda ‘he ti dicevo prima, ‘he si trova in alto, nella cappella di San Ranieri e dalla quale, proprio ir 25 marzo, a mezzogiorno esatto entra un raggio di sole che va a cascà sempre ner solito punto, sta ‘osa vì, riorda appunto l’Annunciazione di Maria, come nei vadri, uando si vede irraggio di luce ‘he scende dar cielo. Da quarche anno ir sindao di Pisa ha ripristinato questa tradizione.
F – OH! Lo vedi ’he avevo ragione a un ‘rede all’oroscopo!
G – O cosa c’entra l’oroscopo ora?
F – C’entra, c’entra. Tanti fanno i ’onti der giorno e dell’ora ’he si nasce, anche i minuti voglian sapé, pe ditti ’osa farai da grande (tanto pe dì quarcosa), ’nvece io ho sempre pensato ’he è più giusta la data der concepimento, armeno approssimativo… perché quello è siuro che c’è stato, mentre nasce si pole nasce in tanti modi, perché ti fanno nasce, perché tu mà ha avuto un incidente di quarsiasi tipo, perché ir bimbo è grosso, e tanti artri motivi.
G – Vabbè, vabbè… Lascia perde…
F – No! Io sono nato a dicembre di sette mesi…
G – Senti, un me ne frega nulla di vando siei nato te, poi se ne riparla eh? Poi, se ne voi sapé di più della cerimonia ’he fanno a Pisa, vatti a vedé questo video vì:

[iframe class=”aligncenter” width=”480″ height=”390″ src=”http://www.youtube.com/embed/7mmgfiQEpng?rel=0″]

La sera hanno fatto i foi, l’Arno era ’lluminato, Boia dé! Però, i foi, i pisani li sanno fa per davvero e li fanno bene, li fanno!…
F – ’Nsomma ti siei divertito, via? T’è piaciuto ir capodanno pisano!…
G – Sì! M’è piaciuta per davvero vesta festa vì! Sì, bisogna dillo a Cosimi…

Questa voce è stata pubblicata in livornesità, racconti, umorismo e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.