Festa della donna a Livorno

La sera, dopo cena, prima di andare a letto.

Lui: Itala, siei tutta la mi vita.
Lei: E lo so, lo so…
Lui: Guarda ’osa t’ho comprato…
Lei: Fammelo vedé…
Lui: Ora? Prima mi devo lavà, poi mi devo asciugà bene, a quest’età un si pole mi’a prende freddo…
Lei: Ma no! M’importa assai di ver coso lì… Oramai è come la moda dell’anni venti… passata!… Tanto è ’n minuto ’e la sera t’addormenti sur divano. È da quando c’era re Pipino che un lo usi più…
Lui: Ma cosa hai ’apito? Ma un ci pensà nemmeno!
Lei: Ahhh, mi pareva strano… ma proprio strano strano…

E mi pareva strano!
di Franco Franchi e Ciccio Ingrassia (sigla di chiusura del programma Drim andato in onda su Rai 2 per la regia di Boncompagni, anni 82/83)

[iframe class=”alignright” width=”285″ height=”225″ src=”http://www.youtube.com/embed/PXaCXsRQmks?rel=0″]E mi pareva strano, e gli pareva strano
e ci pareva strano, ma strano strano strano.
Che fosse tutto giusto, che fosse tutto a posto
che non ci fosse un guasto o qualcosa che non va.

La star girava un film, la crema sul bignè
lo notai così che guardava proprio me.
Davo la colpa al mio fascino strano oppure a quel mio non so che.
e invece avevi il biglietto col prezzo sul gilet.

E mi pareva, mi pareva, mi pareva strano
e gli pareva strano, e ci pareva strano
ma strano strano strano.
Che fosse un gran successo, che capitasse adesso
che mi piovesse addosso questa mia celebrità.

C’era una scena blu, le luci e la tv
e tanta gente che si sbracciava intorno a me.
Credevo fosse il mio sguardo di fuoco a farli impazzire così
e invece era che tu non dovevi stare lì.

E mi pareva, mi pareva, mi pareva strano
e gli pareva strano, e ci pareva strano
ma strano strano strano.
E mi pareva strano, e gli pareva strano
e ci pareva strano, ma strano strano strano.
E ci pareva strano strano strano stra…

LUI: ’Nsomma, ora mi vado a lavà, poi te lo do.
LEI: Ma perché, se un ti lavi, un me lo poi dà?
LUI: NO!
LEI: BOH!… e sei proprio strano stasera, eh!… ma proprio strano strano…
LUI: (dopo la doccia) Italaaa, siei pronta?
LEI: Ma pe fa cosa? Io è vent’anni ’e so pronta, siei te ’e un siei mai pronto…
‘Uando, c’hai da guardà la Cempion Ligghe, ‘uando a’ mangiato troppo ’avolo strasci’ato, ‘uando a’ bevuto troppo vino ‘e ti sienti barcollà, ‘uando c’hai da andà a gio’à a carte ar barre o quando c’hai ir raffreddore ‘e mugoli… Hai ‘apito dè, un so pronta io! Dè! chiamatela ghigna… dé… boia ’e ghigna c’ha lulì, dé…
LUI: (entrando in sala con un salto, allargando le braccia come in un balletto di Fred Astaire, pettinato e vestito con un abito che s’è comprato di nascosto): Dedededeen… Là!…
LEI: Ma chi è lulì… Athosseeee… ha’ ’nvitato varcuno? C’è Frédde di và!…
LUI: O scema!… sono io, Athosse, ’r tu Athossino…
LEI: Athossino? ’Uando mai? Ero piccina!… Te ciavevi ’na bocca esagerata, dei bei denti bianchi, anco i ’apelli erano belli, neri co’ boccoli eppoi ciavevi i baffi, ’e quando mi volevi bacià mi facevi ’r solleti’o e io mi mettevo a ride e un mi potevi bacià. Boia dé!… ma te lo ri’ordi? Dopo du mesi di matrimonio, un ciavevi più né i ’apelli né i denti… e nemmeno più le palle… perché me l’hai passate a me… come l’influenza.
LUI: Dopo du mesi? Siei si’ura?
LEI: Sono si’ura sì, tanto ciai messo un pelo a sposammi. Io a ditti sempre: Ma quando ci si sposa? Oh! Ma quando ci si sposa? Vabbé che un ciavevi i vaini, vabbé che tu madre era gelosa, vabbé che la tu ganza un ti voleva mollà, e passati vesti vabbé, hai detto: Vai! È la nostra ora! Io pensavo di morì e mi son sentita perdavvero morì! Manca po’o vado a picchià alla ’olonna di via grande, perché, se un te lo ri’ordi, si stava ’amminando lì pe’ la giratina della domeni’a. Ma non mi sentivo mia male dall’emozione, ma perché pensavo e ciavrebbero ammazzato lìpperlì. Pellappunto, si stava passando vicino a un gruppo di panche-abbestia e ciavevano du ’ani accanto grossi e brutti che erano senza musarola e chiedevano i vaini e te unne avevi dati perché l’avevi antepatici.
Così ho pensato: È arrivata l’ora di morì per corpa di vesta testa a brugola ’e cià su ’oglioni vesti vì! Poi, una delle bimbe, vestita ’ome startrekke ma co ’apelli amaranto ’ome la bandiera del Livorno, e cosi di ferro da tutte le parti, ’e pareva ’na ferramenta ambulante, Mi guardò, io la guardai…
LUI: Sì… e come Giuda la baciai…
LEI: O scemo! Io la guardai e ni feci un sorrisino colla paura ’e mi strozzava la gola. Lei mi guardò cor una ghigna e mi disse biascicando un ciuinga: Ciao! Ciai du spicci? E tirò fori da dietro la schiena un fiore per me.
E allora pensai che un era anco l’ora di morì. Poi, te mi prendeste la mano vella ‘ndove c’erano gli spiccioli. Lei stava lì, cor fiore ’n mano a aspettà me, e mi veniva dietro, anzi a fianco come un canino di ’asa.
Ti dissi: E molla! Un lo vedi, anzi un lo senti e ciò i vaini in mano, e… un lo senti ’r fiato di vesta bimba vì ’e sa di sansusì ’e ciasfissia? Ma mollami la mano no, te un glieli voi dà perché sei ’n pidocchio e allora ne do io, tanto te pidocchio eri e pidocchio rimani… ma armeno vesta vì, si leva da tre passi…
Così, ni detti i vaini e lei mi guardò, io la guardai…
LUI: Danne ugo! O ridillo!…
LEI: Oioiiii!…
Mi sorrise e andò a appicci’assi a un’artra.
Allora ripresi a pensà cor cervello in ebollizione: ma cosa vorrà dì, vesto vì coll’ora arrivata… Nostra, poi… Così ti dissi: Ma quale ora? Pe’ fa cosa? E te ripigliandomi la mano nelle tue, avvicinandola ar petto dicesti: Se’ondo te, dopo tutti vest’anni, si potrebbe anco tornà ’nsieme.
E continuasti a dì: Mi madre un c’è più (tu madre, povera donna, che era passata a miglior vita anche perché un ce la faceva più a sopportatti, mi diceva sempre: Ma quando me lo levi di torno, che voglio sta un po’ mpace. Vesto vì un è mi’a ’n figliolo, è ’na zecca! …), mi sento tanto solo. Un so più ’ome fa a fammi da mangià, i panni un li so lavà, la mi mammina li lavava tanto bene, profumavano d’orsacchiotto a primavera, me li stirava co stira e ammara (Lei: ammira, si chiama stira e ammira, o scemo!)…
‘Nsomma, vando arrivo a casa la sera, dopo esse andato a gioà a carte ar barre dello stadio e un la trovo a aspettammi sull’uscio ’on le braccia a brocca… mi sento solo, tanto solo…
Dai, si torna ’nsieme?
Allora io, commossa dar tu discorso, tirai fori ’r fazzoletto di ’arta, m’asciugai l’occhi (dé… c’era un vento che portava via) e ti risposi: Sì! Si torna ’nsieme a casa, poi te te ne vai di vì e io me ne vò di là, ma a casa ci si torna ’nsieme, un ti preoccupà…
E te subito dicesti: Ma cosa hai ’apito? Ti volevo dì se ci si sposa!!! Mi vòi sposà?
Cor vento nell’occhi ’e mi faceva piange, (te pensavi ’e piangessi pe te) facesti l’uni’a ’osa bella della tu vita ’e potevi fa. Mi mollasti lì, in piazza grande, ’ome na scema. E spariste.
Boia ’e bellezza!!!
’Ndove è andato… pensai.
Un po’ però mi dispiaceva ’e te n’eri andato.
Ripensai alle tu parole e con quanta enfasi (o di dove mi viene vesta bella parola vì?) me le diceste e sentii ir core ’e batteva più forte. Allora pensai che mi venisse n’infarto e ripensai alla nostra ora di po’o prima e ’r core mi batteva ancora di più. E te non c’eri…
Io mi sentivo male e te eri sparito. (Vabbé che quando ci siei rompi le palle ma quando un ci siei, mi mancano tutti i tu vai in culo, ir budello di tu mà, la tua, mai rotto le palle e così via…)
Poi, ti vidi riapparì di ’orsa, cor fiatone ’e un riuscivi manco a chiaccherà. Mi veniste vicino e mi diceste: ’Ndiamo in chiesa che c’è ’r prete e c’aspetta e ha detto di fa presto perché c’ha da fa… Io ti dissi: Ma, un siamo mi’a ancora morti… un è ancora la nostra ora.
E te rispondeste: Macché morì, bisogna prende l’appuntamento per ir giorno der matrimonio.
Mi sentii ’ascà ’n terra. S’entrò in chiesa, s’andò dar prete e c’aspettava e si ’ominciò le prati’he pe sposassi.
E eccoci vì… Dopo du mesi di matrimonio, ma dopo varantanni di fidanzamento…
LUI: Vabbé, vai… sono sempre un ber fi’o… dé! Guardami vì, ’ome son discreto dé… Boia dè! Ma ’ndove lo trovi un artro ’ome me…
LEI: Fi’o sì, ma di ’na… Lascia perde, vai.
LUI: Dai, Italina, guardami un po’ (si gira su se stesso)…
LEI: Ma, t’ha dato di vorta ’r cervello? Prima di tutto, ’n dove vòi andà vestito da pinguino? Te l’ha prestato uno der coro der Domo di Livorno quer vestito lì?
LUI: Alloraaa… lo vòi ’uello ’e ciò pe te?
LEI: Ma, dopo tutti vesti discorsi, vesti bei ri’ordi, dammi sto ’oso ’e ciai da dammi.
LUI: Ma lo sai ’osè oggi vero?
LEI: Boh! No!…
LUI: (porgendole una busta dell’ipercoppe) È la festa della donna!… Dai, apri…
LEI: Una busta dell’ipercoppe… hmmm, m’hai ’omprato l’aspirapolvere? Era tanto ’e me lo volevo ’omprà… C’è più porvere vì, ’e in un cantiere…
LUI: Nooo! Oddai, apri la busta.
LEI: M’hai ’omprato… un ferro da stiro cor serbatoio d’acqua di 10 litri?
LUI: Uffa! Apri sta cazz… di busta! (perde la pazienza)
LEI: Come siei gentile Athosse, si vede che hai voglia di dammi sto regalo, solo ’e un so cosa mi fa comodo ’n casa. Tanto, tutti i tu regali sono pe fammi lavorà ’n casa…
LUI: La vòi aprì o no?
LEI: (comincia a aprire il bustone e tasta il pacchetto all’interno) Sento roba moscia, ’osèèè?
LUI: Dè! Se ti volevo dì cos’è un ti davo la busta… Dai! Sbrigati che è tardi.
LEI: Tardi per cosa?
LUI: Ti vòi ’età e apri sta ’osa moscia!
LEI: (tirando fuori il pacchetto, mentre lo guarda, lo gira, lo rigira) Uimmena, ’om’è moscio! Ma cos’è?
LUI: Ora te lo dicevo ’osè… è moscio ’ome ’r mio… papiion di stasera…
LEI: (finalmente lo scarta e vede che è un vestito da sera, anzi no, un vestito nero della Joyful, la marca cinese della coop) Bello!… Bellino!… Bell… Ma fa schifo!
LUI: Ma vai! È dimorto bellino! Un lo poi vedé così, te lo devi mètte pe vedé com’è. Vai! Sbrigati, si fa tardi.
LEI: E ci ’onci! Ma tardi pe cosa?
LUI: Ti porto a ballà!
LEI: (sorridente) A ballà?
LUI: Sì. Vai. Moviti… vatti a mette ’r vestito e si va via.
(lei svelta va in camera e indossa il vestito nero che le sta una schifezza… e rientra in sala per farsi vedere da Athos)
LUI: Boia dè! ’me siei bella! Mi sembri la bellucci a Sanremo… Solo ’e lei si ’iama bellucci…, te no!
LEI: Sì, ’ome ir vicino di ’asa mia. Lino Bellucci detto Belluccellino…
LUI: Vatti a pettinà e si và…
LEI: Mi sono già pettinata e truccata, ma un lo vedi?
LUI: Io no, ma forse vell’artri lo vedranno… ’Ndiamo…
LEI: Ma ’ndove si và?
LUI: Ora lo vedi!
LEI: Ma oggi è l’8 marzo, e le donne vanno da sole a ballà e vanno a vedè gli spogliarellisti. E ci dovevo andà da sola a ballà, mi’a ’on te!
LUI: Appunto! Pe fatti ’n regalo ti porto a ballà, ma ci vengo anch’io e sai ’ndove si và?
LEI: No! Se un me lo dici!… Al Malandrone? O al Gilda, visto che è la festa delle donne, così ci s’accontenta tutte e due. Chissà quante belle donne ci saranno da vedé per te, e quanti bellomini ci saranno per me…
LUI: Ma quale Malandrone, quale Gilda, ti porto ar circolino vi sotto ’asa, c’è la finale del torneo di briscola e scopa e quelli che vincano devano montà sur parco a prende ir premio accompagnati da na donna. Poi mettano su du musi’ine e si move le gambe a tempo di tuist… È la regola der circolo. E io sono arrivato ’n finale e se vinco…
’Ndiamooooo, un rimané lì ’mpalata, mi stanno aspettando, un mi fa fa brutte figure… Ti porto a ballà, o cosa vòi di più? Vai, proprio perché siei te, se vinco ti porto ar Twiga…

[iframe class=”aligncenter” width=”480″ height=”390″ src=”http://www.youtube.com/embed/cJJ369X0_dw”]

Questa voce è stata pubblicata in feste, livornesità, umorismo e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.