Jabuticaba, la vigna brasiliana – da Briaifu’ (Le avventure di Favollo e Gangillo)

Gangillo ha portato dei frutti di Jabuti’aba, l’arbero dar tronco succoso, detto la vigna der Brasile.



Gangillo — Favollo, la v’oi assaggia’ vesta pallina nera?
Favollo — O cus’èèè?
G — O assaggia! È b’ona! Dai, assaggia… me l’hanno portata ieri, fresca fresca dar Brasile. Se ’un la mangi ora, domani ’un è più b’ona. Me l’ha portata ‘r mi’ ’ollega ’he c’è andato ’n ferie e gliel’hanno fatta assaggia’. N’è piaciuta tanto ’he ha pensato bene di portanne un po’ a casa. La devi sbuccia’ e ciuccialla, e poi sputi i noccioli (’osì nascano l’arberi anco vì) oppure apri bocca e… Vai! Aspetta! Apri bocca… Te la strizzo io la pallina nera…
F — O! Ma siei scemo? ’He pallina v’oi strizza’ te? Strizzati le tue di palline anco se un so’ nere… e poi sputa ‘ noccioli ’he ’un c’hai in bocca, basta ’he ’un isputi sfondoni… che ’un ne voglio senti’.
G — Ma te sai assai delle ’ose b’one… Te siei abituato a mangia’ ne’ bussoli…
F — O! Parla pe’ te! Io mangio dimorto bene. Cee a colazione, pranzo e cena…
G — E a merenda?
F — Anco a merenda! Le metto sur una fetta di pane ’olla nutella. Va bene?
G — Contento te!… Comunque di robba prelibbata ’un te ne ’ntendi… Va bene! Me le mangio tutte io veste palle nere…
F — Ecco, bravo. Mangiatele tutte te! Ma guarda se mi devo ’onfonde con questo vì!
G — Ma lo sai ’osa sono?
F — Se un me lo dici, ’ome faccio a sapello?
G — Sono frutti esotici, e-so-ti-ci Favollo non afrodisiaci, ’un ti sbaglià, che nascano sur tronco dell’arbero ’nvece ’he penzola’ da’ rami ’ome tutti vell’artri. Stanno attaccati ar tronco ’ome se fossero ’ncollati lì. L’arbero si ’hiama Jabuti’aba.
F — Jabu… che? Ma va!,,, te hai voglia di ruzza’ …
G — No bimbo!… ‘Un ischerzo… Si ‘hiama Jabuti’aba… E’ ‘na pianta, ’onosciuta anco ’ome “Grape Tree” (arbero brasiliano dell’uva). ‘Nsull’origine der nome c’è da leti’assi perché ci sono versioni diverse,  ma quella più bellina è quella che Jabuti’aba derivi dalla lingua Tupi, dalla parola Jabuti (tartaruga) + Caba (luogo), cioè il luogo dove si trovano le tartarughe.
F — Tupi? O che lingua è…?
G — De’, è ‘na lingua! ‘Ome tutte vell’artre. Saranno ‘n tre o quattro a parlalla, ma esiste, come esiste l’Italiano. ?Nsomma, vesta parti’olarissima pianta è originaria dell’Ameri’a meridionale, più precisamente der Brasile, der Paraguay e dell’Argentina.
La su’ più grande ’aratteristica è quella di fa’ frutti direttamente dar tronco. Gli acini sembrano essere stati messi lì da uno ‘he ha voglia di ruzza’, che l’ha attaccati co’ gancini verdi ’ome a Natale le palle ‘nsull’abete ‘n salotto, ma questi frutti nascano davvero dar tronco dell’arbero Jabuti’aba.
I su’ frutti possono essere ’onsumati da tutti gli animali, anco velli ‘he ‘un si possano arrampica’ e così che poi, dopo, possano sputà ‘ semi lontano dall’arbero, facendone nasce artri arberi. C’hanno la buccia spessa e violacea ’he ri’opre ’na dorce, bianca, o rosata porpa gelatinosa. Sono ’ommestibili crudi anco per l’ ’omini senza arcun peri’olo dopo esse’ stati sbucciati o spremuti direttamente ’n bocca.
Sono normalmente venduti nei mercati del Brasile, i “jaboticabas” sono in gran parte ’onsumati freschi ’ome l’uva.
La fermentazione avviene dopo 3-4 giorni dalla vendemmia e proprio per questa ’osa vì sono spesso utilizzati per preparare ’onfetture, torte, vino e liquore. A causa di ’uesto veloce processo di deterioramento de’ frutti appena ’orti, la presenza ne’ mercati f’ori dalle zone di ’oltivazione è dimorto rara.
Le foglie giovani sono ’olor salmone e mano mano ’he crescano diventano di un ber verde brillante. È ’n arbero dalla crescita dimorto lenta ’he preferisce ir terreno umido e leggermente acido per cresce’ meglio, tuttavia s’ adatta dimorto bene anco su’ terreni arcalini tipo ’uelli sabbiosi, (De’… a Tirrenia ci potrebbero sta anco bene, ma poi li ciucciano i pisani e a noi ‘hissà quanto ce li farebbero paga’. No, vai…, meglio a Cecina) a patto ’he siano ’urati e annaffiati.
Naturalmente i su’ fiori, ’ome i su’ frutti, crescano direttamente dar su’ tronco e sono bellini, piccini e bianchi.
La raccorta viene fatta solo ’na vorta o due all’anno, ma nelle regioni tropi’ali può essere disponibile tutto l’anno, se ar momento della fioritura viene fatta un’irrigazione ’ontinua della pianta.
È ’na ’osa dimorto strana a vedessi per chi ‘un vive o ha mai vissuto ner Sudameri’a. È ’n arbero utile anco alla salute dell’omo perché i su’ frutti vengano ’mpiegati pe’ cura’ diverse patologie, perciò se vi dovesse ’apità nella vita di vedé una di veste piante, ’un vi preoccupate, ’un è ’na pianta ’orpita da chissà quale malattia, o portata da ET, ma è solo la natura ’he si manifesta in un artro modo.
C’è ’na ’anzone dimorto bella ’antata da Bebel Gilberto ’he parla di vest’arbero vì.
F — Ma è ’n ’omo o ’na donna? E’ Bebel o è Girberto?
G — Sai assai te!… È ’na bella donna ameri’ana-brasiliana cor una bella vocina…Ascortala, poi me lo dici.

[iframe class=”aligncenter” width=”550″ height=”442″ src=”http://www.youtube.com/embed/M6iK8WY0c1Q?rel=0″]

Testo (di Bebel Gilberto e Carlinhos Brown)

If I could name
A fruit for you
It would be jabuticaba

Blue, black and small
On the outside
And soft and sweet within

My favourite memory
Was under that tree
That’s been there since

I was three
Now I would like to
Sing for you

My jabuticaba song

Isn’t she lovely
Like purple rain
Walking on sunshine with you
(over the rainbow)

Quiet nights, quiet stars
It’s summertime
Quiet nights, quiet stars and you

If I could name
A tree for you
It would be Jabuticaba

Under the shade
Of the cool green leaves
It all comes back to me

So when that taste
Reminds you
You know just where

To find me
And now I would like to sing for you

My jabuticaba song

Jabuticaba tree

Jabuticaba song
Interpretazione del testo della canzone Jabuticaba

Se potessi darti il nome di un frutto ti chiamerei jabuticaba.
Blu, nero e piccolo all’esterno e morbido e dolce all’interno.
Il ricordo più bello è quello di quando avevo tre anni e stavo sotto l’albero.

Ora voglio cantarti la mia canzone jabuticaba.

Non è piacevole come camminare con te di giorno
sotto l’ombrello sotto la pioggia viola
Quiete le notti e le tranquille stelle
è tempo d’estate
Quiete le notti e le tranquille stelle
e te

Se potessi darti il nome di un albero ti chiamerei jabuticaba.

Al riparo delle sue fresche foglie verdi tutto mi torna in mente
quando ne assaggerai il frutto ti ricorderai di me e saprai dove trovarmi

Ed ora vorrei cantare per te la mia canzone di jabuticaba
dell’albero di jabuticaba
la canzone di jabuticaba
G — Hai ’apito? La v’oi assaggia’ allora?
F — Sì! Vieni, fammela assaggia’… Mmmh… bone ’ste palline. Vieni, dammene varcuna ’he le porto alla mi’ moglie. Di si’uro ni garbano. Leilì mangia di tutto, anco vello ’he ’un conosce e… sì, anco le palle mosce.

Questa voce è stata pubblicata in ambiente e sviluppo, livornesità, musica, umorismo e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.