Il museo garibaldino degli Sgarallino – da Briaifu’ (Le avventure di Favollo e Gangillo)

Favollo e Gangillo si incontrano agli scogli dell’Accademia

Favollo — Oh! A sentito? A Livorno c’è un museo e un c’è.
Gangillo — Sarebbe a dì?… C’è un museo ‘e un c’è… ? Come l’isola di Piter Panne? Allora c’è anco Capitan Uncino… Ma allora c’è o un c’è?
F. — Un c’è né Capitan Uncino e nemmeno Piter Panne e un c’è nemmeno ‘r museo… Un c’è. Ma… e… C’è, e c’è…
G. — Dèèè!… Ma siei bri’ao di mattinata? Boh!
F. — Ma se ti di’o ‘e c’è… e c’è, l’ho letto sur Tirreno!
G. — Sur Tirreno? Si sta benino… c’è più errori lì ’e nei vaderni de’ bimbi di prima elementare.
F. — Errori? Orrori, ci sono… Avvorte un si po’ lègge, artre vorte ti ci piglia le risate che c’è da morì a libro, sì, piegati in due… Vabbè, ma un importa, fa vaini se c’è scritto che un uovo in vespa è stato investito o se un…Vai, lascia pérde… sennò ci sto finaddomattina.
G. — E ti vòi ’età, mi dici ’osa c’è scritto sur Tirreno!
F. — Ah, sì! C’è scritto che ner museo e un c’è…
G. — Dannene ’or museo ‘e un c’è… Oioi… dé! Boia dé!…
F. — O, ir Tirreno dice ‘e un c’è perché un è un vero museo.
G. — E allora ’osè? ’na raccorta d’antivariato?
F. — Boia dé!… ’me siei ’gnorante, dé!…
G. — Maddé! O, ma se un è un museo, ’osè?
F. — … è… na specie di museo. Devi sapé ’e la famiglia Sgarallino ha conservato delle ’ose ’e ciaveva Garibardi, perché sai, lorolì erano tantamici… C’è di tutto, anco un ciuffo di ’apelli di Goffredo Mameli, eppoi tante ’ose di Garibardi: occhiali, penna, lettere, pezzetti di poncho, fotografie, ’r cappello, addirittura c’è anche l’anello d’oro ’on la scheggia e gl’hanno levato a Pisa dalla ’aviglia der piede destro, ’nsomma, dalla gamba.
G. — Ma quale scheggia, vella della ’anzone e si ’antava da piccini, pe’ gio’à, che si sembrava tutti scemi a cambià le vo’ali della tiritera?
F. — Eh, sì! Vella lì… In quer museo c’è anco vello, l’anello ’oll’osso…
G. — Boia dé!… Certo, mètte ’na scheggia d’osso in un anello… Boia dé! Che gusti…
F. — O, lo sai… c’è anco le divise, le giubbe rosse dei fratelli.
G. — Ah! Perché, vanti sono vesti fratelli?
F. — Tre.
G. — Ah! Allora, ci sono tre divise?
F. — No. Ci sono tre berretti.
G. — E le divise?
F. — Due.
G. — E perché? Facevano un po’ peruno? Facevano a turno a rimané gnudi dietro un cespuglio?
F. — Perché, perché… Ma cosa ne so io, due sono le divise, sono velle di Jacopo e d’Andrea.
G. — E quell’artro, vello ‘e la divisa un c’è ’ome ’r museo, ‘ome si ’iama?
F. — Aspetta… Un me lo ri’ordo… Ah! Sì!… Pasquale. Dé, di Jacopo e Andrea hanno scritto di tutto, der povero Pasquale, ‘e anche lui s’è dato da fa, un hanno scritto nulla… e un và mia bene… poeraccio, ha corso tanto, andava ’nsù e ’ngiù ’ome Berruti sia nella spedizione dé mille, che in artre missioni…pe’ andà a rifornì i volontari ‘e combattevano…
G. — Approposito,asentito di Berruti?…
F. — Ma chi se ne frega di Berruti, c’ho le lagrime all’occhi pe’ Pasquale… De’, sai ’osa, quer poeraccio, un c’ià nemmeno ’na ’osina ’ntitolata a lui, manco un viottolino, è tutto ’ntitolato a Jacopo e a Andrea: Piazza Andrea Sgarallino, Via Andrea Sgarallino, Via Jacopo Sgarallino…
Mah!… Certo, dè… un sapé nemmeno ’i sono gli Sgarallino… ma di dove siei te? Di Pomaia, ‘e le notizie, a que’ tempi, arrivavano ’oi piccioni?

G. — Ma so ’na sega…
Sgarallino…
Io so ’e c’era un bagno, poi ’onosco la ’alata… Forse la ‘alata Sgarallino ’n porto, che è come ir bagno ’e c’era e un c’è più, come l’isola e il museo, che è senza nome, sarà per ri’ordalli tutt’e tre…
F. — Seeee… ma caa dici? La ca… che? Il bagno ‘e c’era e un c’è più, a me mi sembri…
G. — La calata… nel porto. Ca-la-ta…
F. — Ho capito, l’hanno ’alata ‘n porto, ma cosa c’hanno ’alato?… Un si po’ mi’a pescà… ammeno’é un ciabbiano ’r permesso… allora sì…
G. — Oddai… la ca-la-ta portuale…viaaa… la banchina del porto…
F. — La panchina?…
G. — Favollooo!… Avoglia di ruzzà stamattina? Banchina, ba… bi, come barbone.
F. — Un barbone sulla panchina?
G. — … sì, vai…vai… La panchina al porto, dove c’era ’r Cardosi a sedé con la barba a sciarpa e con un chilo di fogli in mano, che ci s’è ‘ncartato, a légge e rilegge sulla su lotta cor Comune… artro e Garibardi e Sgarallino… ogni foglio è ’na fucilata. Una del Comune pe lui e ‘nartra è la su risposta per ir Comune. ’Ome ’n trincea, in prima linea…(poeraccio, ar posto della sciarpa pe’ un piglià freddo sattorciglia ar collo quella lì. Un c’ha più ’na lira…)
Oh!… Senti ’n po’, ma si dice barbone perché c’ha la barba lunga, ossia ’e è ’n barbuto ’olla barba lunga e forta?
F. — Sì…
G. — E chi un c’ha la barba come si ’iama?…
F. — Ma, risò ’na sega… ma cosa vòi ’e sappia io?… Si ’iamerà… ba… ba… va… va… vagabondo.
G. — Perché uno e c’ha la barba un polesse vagabondo uguale?
F. — Sì, vabbé, si ’iamerà barbone vagabondo, mendicante…
G. — Certo, è ’n controsenso…
F. — Cosa?
G. — Il barbone…
F. — Eh!?
G. — Il barbone, sì, il barbone… Un lo sai ‘e ‘r barbone era una moneta lucchese?
F. — No! Ma vai… Levati di vì…
G. — Boia dé, ma un mi ’redi mai? Era ’na moneta d’argento che usavano i lucchesi dal XVI al XIX sec. E… capace che gli Sgarallino l’hanno anco vista… e magari l’hanno buttata via.
F. — Buttata via?
G. — Dé! Sì!… Era di Lucca e puzzava…
F. — Era di Lucca, mi’a di Pisa…
G. — Eee… ammazza ammazza è tutta ’na razza… vello che è fòri delle mura di Livorno epuzza… I fiorentini no, però, perché c’hanno ir sale addosso anco d’inverno. Ni garba tanto ’r mare, c’hanno le ’ase dappertutto vì. O, e son tutte sua le ’ase ar mare!… Lorolì dopo l’urtima vorta ’e vengano a fa ’r bagno, un sasciugano nemmeno. Tornano a Firenze tutti intirizziti ’ome baccalà ma… un si lavano mi’a sai, se lo tengano addosso tutto l’inverno, uando ritornano vì e son bianchi sì… si fanno il piling cor sale.
F. — Telommagini te, un barbone, uno ’olla barba lunga, tipo ’r Cardosi, e chiedeva a uno ‘e si credeva d’esse ganzo: “Ce l’hai un barbone?” E quello ni risponde: “NO! Se un ti tagli i ’apelli e doventi più bellino, un te lo do!” E con quella scusa un ni sganciava manco uno spicciolo. Un barbone… un’è ‘n controsenso? Casomai si doveva ’iamà, ’sa ne so, tipo… un berlone… Sì! Poteva andà bene chiede “Ce l’hai un berlone?”…
G. — Perché, c’era anco a quei tempi un Berluscone ‘ome Silvio? Mi domando e d’io!… Ma te mettilo anco ‘nsulle monete…
F. — Dé, ma telommagini, ‘uante ghignate pigliava pella terra?
G. — Perché?
F. — Perché coi vaini ’olla su faccia un ci ’ompravi nemmeno una lagrima per fa piange Budiulikke…
G. — E chi è Budiulikke?
F. — Un sai chi èèèè?… È ’r personaggio ‘e inventò Max Greggio… Ir difensore dell’allezziti…
G. — Ah! Ci fosse ora!!! Ma era in parlamento?
F. — Ma sei scemo? In parlamento… Baaah! E ci vorrebbe ora uno colla maschera e cor mantello in parlamento a difende l’allezziti, tanto e ce n’è uno e via…
G. — Dé… ma un ti sbaglierai mia con Berfagorre eh? Lui era ’r fantasma der museo, ma un museo vero, un museo ‘e c’è perdavvero, no come quello degli Sgarallino, ‘e c’è ma un c’è.
F. — A parte poi ‘e Berfagorre è un fantasma…
G. — E Budiulikke ’os’è? Dov’è? … Ni si po’ telefonà ‘e vada a vedé ’sa succede in parlamento.
F. — Ma ti ’eti… fammi ripiglià ’r discorso degli Sgarallino, sennò me lo dimenti’o. Lo sai ‘e Andrea…
G. — Chi? Ir tu ’ugino?
F. — Nooo!… Oimmena luilì dé!… Andrea… lo Sgarallino!…
G. — Eh!
F. — A Andrea, anzi ar colonnello (per èsse più precisi) Andrea Sgarallino, gl’hanno ’ntitolato anche un piroscafo. Che storia ’vella lì… Poeracci… Sai, pare ‘e quer piroscafo fu silurato e affondato la mattina der 22 settembre 43, ventanni prima ‘e nascesse Carlo…
G. — Ma chi se ne frega!… Ma chi è Carlo?… Ma chi lo ’onosce… Chi è?
F. — Ma cosa te ne frega a te di sapé chi è Carlo, appunto… Un ci pensà… ’Nsomma, fu affondato a circa un miglio dalla ’osta dell’isola d’Elba, nella zona di mare di Nisporto, corpito da du siluri micidiali spediti a destinazione da un sommergibile britannico ‘e l’aveva ’ncrociato. E siccome la nave era rimasta bardata come militare e ciaveva anche la bandiera tedesca, ar poeraccio ‘e comandava ’r sommergibile unni son venuti dubbi e senza penzacci un se’ondo di più, ordinò il siluramento immediato. Alle 9.49…
G. — All’ora che è nato Carlo?
F. — Ma so assai vando è nato… Ma cosa te ne frega…
G. — O, l’hai tirato fori te questo Carlo vì, eh!…
F. — Oioioiiiii!… Ti sto raccontando la storia di vesta gente ‘e è morta ’osì male e te m’interrompi pe chiedemmi se a quell’ora è nato Carlo… Polésse, ma cosa vòi ‘e ne sappia…. ’Nsomma… i du siluri lanciati esplosero spezzando ’r piroscafo in du tronconi e lo fecero affondà subito, e per questa ’osa vì mrirono circa trecento persone, tra civili e militari ’e stavano tornando all’isola d’elba, a casa sua, a poche centinaia di metri da raggiunge le su famiglie ‘e di si’uro l’hanno visti anco affondà, que poeracci. Che brutta ’osa, la guerra!…
Lo sai ’osa hanno re’uperato ner 1962?… Le lettere in bronzo der nome der piroscafo, ‘e cianno ancora le ’ncrostazioni per tutto r’ tempo ‘e sono state sur fondo.
G. — Accidenti!… Le potevano magari lavà cor viakal che leva tutte le ’ncrostazioni…
F. — Ma ti ’eti… ‘r viakal… Ora si mettano a lavà le lettere di bronzo cor viakal… Ma levati di vì, vai… Ma un siei mi’a serio te! Un ti si po’ dì nulla di serio a te, ciai sempre da dì quarcosa di scemo…
G. — ’Nvece te!… con budiulikke c’hai fatto la tesi di laurea?
F. — Sta’ assentì ora… ’etati! Mi sono dimenti’ato di ditti ‘e la zia di ‘uarcuno ha lasciato scritta una ballata sur siluramento der piroscafo ‘e t’ho raccontato. Un si sa dove l’aveva sentita né chi l’aveva scritta, ma ‘r cugino di vesto ‘uarcuno, certo Renzo Dini, l’ha fatta avé a questo ‘uarcuno ‘e un si sa come si ’iama ‘e l’ha messa su internette.
G. — Bisogna ringraziallo ‘uesto ‘uarcuno e ringrazi ’r su ’ugino…
F. — Certo, ’r nome a quer piroscafo un gl’ha mi’a portato tanto bene, perché… sur piroscafo c’erano perdavvero trecento giovani e forti… e sono morti… Ti ri’ordi vella poesia ‘e s’è ’mparato da piccini, quella di Luigi Mercantini, La spigolatrice di Sapri? Parla di vell’annilì…, velli degli Sgarallino o sbaglio? Supperggiù… erano velli, no? Te la ri’ordi vella poesia lì? Vai ti faccio rinfrescà la memoria, senti ’ome te la di’o bene:

Luigi Mercantini
LA SPIGOLATRICE DI SAPRI

[iframe width=”480″ height=”375″ src=”http://www.youtube.com/embed/pw-GbPfOaGU?rel=0″]

Eran trecento: eran giovani e forti,
e sono morti!

Me ne andavo al mattino a spigolare
quando ho visto una barca in mezzo al mare:
era una barca che andava a vapore,
e alzava una bandiera tricolore.
All’isola di Ponza si è fermata,
è stata un poco, e poi s’è ritornata;
s’è ritornata, ed è venuta a terra;
sceser con l’armi, e a noi non fecer guerra.

Eran trecento: eran giovani e forti,
e sono morti!

Sceser con l’armi, e a noi non fecer guerra,
ma s’inchinaron per baciar la terra.
Ad uno ad uno li guardai nel viso:
tutti avevano una lacrima e un sorriso.
Li disser ladri usciti dalle tane,
ma non portaron via nemmeno un pane;
e li sentii mandare un solo grido:
— Siamo venuti a morir pel patrio lido! —

Eran trecento: eran giovani e forti,
e sono morti!

Con gli occhi azzurri e coi capelli d’oro
un giovin camminava innanzi a loro;
Mi feci ardita, e, presol per la mano,
gli chiesi: — Dove vai, bel capitano? —
Guardommi, e mi rispose: — O mia sorella,
vado a morir per la mia Patria bella. —
Io mi sentii tremare tutto il core,
né potei dirgli: — V’aiuti il Signore! —

Eran trecento: eran giovani e forti,
e sono morti!

Quel giorno mi scordai di spigolare,
e dietro a loro mi misi ad andare:
due volte si scontraron con li gendarmi,
e l’una e l’altra li spogliar dell’armi.
Ma quando fur della Certosa ai muri,
s’udirono a suonar trombe e tamburi;
e tra il fumo e gli spari e le scintille
piombaron loro addosso più di mille.

Eran trecento: eran giovani e forti,
e son morti!

Eran trecento, e non voller fuggire,
parean tremila e voller morire;
ma voller morire col ferro in mano,
e avanti a loro correa sangue il piano.
Finché pugnar vid’io, per lor pregai,
Ma un tratto venni men, né più guardai;
io non vedeva più fra mezzo a loro
quegli occhi azzurri e quei capelli d’oro.

Eran trecento: eran giovani e forti,
e son morti!

F. — ’nvece la ballata dello Sgarallino dice ’osì:

Il ventidue settembre
partiva da Piombino
ben carico di gente
l’“Andrea Sgarallino”.

Il ventidue settembre
ben carico di gente
partiva da Piombino
che d’è sul continente.

Erano tutt’a bordo, erano ben stipati
E in più di trecento non sono più tornati.

Nel mezzo del canale
che c’era il sole in cielo
qualcun vede qualcosa
movendo l’acqua a pelo.

Nel mezzo del canale
passate le tonnare
qualcun vede qualcosa,
non si poté sbagliare.

Erano tutt’a bordo, erano ben stipati
E in più di trecento non sono più tornati.

Si sentono le grida
si sentono le urla
si chiama il capitano
e non è certo burla.

Si sentono le grida
nessuno è più al sicuro:
“Buttarsi tutt’a mare,
Che sta a arrivà un siluro!”

Erano tutt’a bordo, erano ben stipati
E in più di trecento non sono più tornati.

Ma non féciono in tempo,
nessun s’era buttato;
che ci fu l’esplosione
dell’ordigno scoppiato.

Ma non féciono in tempo,
nessun s’era salvato;
e per trecentotrenta
il tempo s’è fermato.

Erano tutt’a bordo, erano ben stipati
E in più di trecento non sono più tornati.

Aspetta aspetta al molo
la gente ’un vé arrivare
la nave di ritorno
e inizia a lagrimare.

Aspetta aspetta al molo
la gente ode vociare
che l’Andrea Sgarallino
or giace in fondo al mare.

Erano tutt’a bordo, erano ben stipati
E in più di trecento non sono più tornati.

“Sia maladetto ’l giorno
che son venuto in terra,
Sia maladetto l’omo
che vòrse questa guerra”

“Sia maladetto l’omo,
sia maladetto Iddio,
ché a bordo c’era mamma
e pur l’amore mio”.

Erano a bordo, e non avran domani
Eran più di trecento, ed eran tutti elbani.

F. — ’Nsomma, m’è venuto a noia di statti a spiegà chi erano, ’sa facevano e cosa hanno ’onservato i fratelli Sgarallino. Di certo erano de’ ganzi, hanno fatto un casino di feriti, morti di vì e di là pe’ fa l’Italia. Andrea è andato anco a raccattà la bandiera tri’olore nella battaglia di Montanara,perché era andata a finì in mano dei ’attivi. E’ quella la bandiera che ner mezzo cià ’na scritta ri’amata “Reduce dai campi di Lombardia — 1848”. (non della Padania).
Velli lì sono eroi perdavvero, artro ’e discorsi… E son conosciuti sai! Artro e te un li ’onoscevi, ‘e siei anco di Livorno, un ti vergogni? Ora hai ’apito ’i sono i fratelli Sgarallino e cosa cianno ’n casa?
G. — Ah! Ma allora l’ Inno Fratelli d’Italia l’hanno scritto pelloro?
F. — Ma ti ’eti! Certo, un sai mai quand’è ‘r momento di sta zitto… proprio un lo sai, eh?
G. — Sì, sì… Vai, ho capito, ho capito, ma hai detto ’n casa? O, un era un museo?
F. — Uimmena!!! Un hai proprio ’apito nulla!… Ir museo ‘e un c’è, un c’è perché è ’na ’asa, la ’asa della famiglia Sgarallino. Hai ’apito ora? Poi, se un’è na ‘asa ma è ’n garage, fa vaini…
G. — Ohhhhh!… Ora ho capito, ’r museo c’è ma un c’è perché è una ’asa e un’è un museo, perché gli oggetti ‘e ci sono dentro sono ’r museo di Garibardi. Ho capito! Ora lo vado a dì a quellartri gangilli e sanno ’na sega degli Sgarallino, ma… Sai ’na ’osa? Lo dovrebbero ’iamà Berfagorre vesto museo vì… Sì ’r museo fantasma. A Livorno siamo ganzi, un ci s’accontenta mai, sempre più ganzi di vellartri si vol’esse; ortre a’ fantasmi in Curia, in Comune e chissà dove, ciabbiamo anco ’r museo fantasma.. Boia dè! ‘ome siamo ganzi!!!

F. — Senti… lascia perde, tanto ’r museo ‘e un c’è ma c’è, un si pò vedé. Devi telefonà alla nipote di Sgarallino pe’ avé un appuntamento. Piuttosto, se ha’ voglia di sapenne di più sulla storia der piroscafo Andrea Sgarallino, vai a vedé questi du linki:
antiwarsongs.org – Il siluramento dello Sgarallino
mucchioselvaggio.org – Foto e note sullo Sgarallino

Notizie interessanti sul museo che non c’è
Repubblica.it – Il tesoro dei garibaldini nel museo che non c’è
Questa voce è stata pubblicata in gente di livorno, livornesità, poesia, racconti, storia, umorismo e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.