Dono di San Valentino a Livorno

Colloquio tra le quattro mura di una casa, di una delle tante coppie di Livorno, la sera di S. Valentino.
Un portuale di Livorno entra in casa dopo una giornata di lavoro.

– Lui: Amoreee… bella topa, ndove siei?
– O’ ndove siei?… Amoreee…
– Lei: Un mi vedi?
– Lui: No! Ti sento e un ti vedo. Ma ndove siei?
– Lei: Sono sdraiata nsur divano.
– Lui: O’…, guarda lì, dé… Bella topina, der su topone… Ma che festa è oggi? Dimmi… dimmi…che festa è? Un te lo ri’ordi eh?
– Io sì, però… (le mani dietro la schiena)
– Lei: E lo so sì, lo so… È la festa degli innamorati. Ma qui un c’è da festeggià proprio nulla!… È da quel dì ’he ci si scanna… E un se ne po’ piùùùù… Vai a mangià, vai…, io un ho fame. T’ho fatto ir baccalà co’ ceci…
– Lui: Ma un è vero! Dai!… Sei sempre la mi bella topa. Mi sembra di vedetti ’uando eri giovine, co’ ’apelli ar vento, nsulla terrazza…
– Lei: O’ cosa dici?… E un mi c’hai mai portato alla Terrazza Mascagni a vedè ir tramonto…, c’avevi da andà a gio’à a carte ar barre der circolino. Sennò dè, le ’arte se n’avevano a male… e i tu amici anche…
– Lui: Ma che Terrazza Mascagni, e dicevo la terrazza di ’asa tua, a Sciangai, una delle po’he ’ase cor terrazzo.
– Lei: (toccandosi la testa, cercando di aggiustarli un po’) Ahh… mi pareva! E’ sì!… Bei mi ’apelli…
– Lui: Vai! Sei sempre una bella topona!…
– Lei: Sì, sì… t’arrufiani eh? Cosa c’hai da dimmi? Cosa ti devi fa perdonà? … Ehhh… O’ cosa c’hai lì dietro? Ti fa male la vita?… e vedo ’he t’agguanti…
– Lui: (Portando entrambe le mani avanti verso di lei, sorridendo) Guardampo’…
– (Nelle mani appare una rosa rossa, incartata alla belle-e-meglio)
– Lei: O’ cos’èèèè…
– Lui: Come ’osè? Un si vede? È ’na rosa. Pé fammi perdonà, tutti quest’anni… Dai, sotterra l’ascia e facciamo pace. Bella la mi topona d’oro…
– Lei: Vai,… vaiii. Un ce n’è pane secco… Dammi vesta rosa e vai a mangià. Vai!…
– Lei: (guardando la rosa ricevuta) Ma che… che rosa è questa? E’ finta?! E’ finta!!! Finta, finta, finta… E te vorresti anco ’he si facesse la pace co’ ’na rosa finta? Se me ne portavi un mazzo almeno le mettevo alla tomba di Zio Alvaro, pover’omo…, morto ‘osì, all’improvviso, un infarto mentre si spellava i diti a contà i vaini che s’era messo da parte. Po’eraccio!!!…
– Lui: Davvero è finta? Un lo sapevo!
– Lei: Ma come un lo sapevi? Un l’hai vista? Un lo senti un c’ha nemmeno ir profumo?…
– Lui: Boia dé!… ma sembra vera!… Allora Oreste, il fioraio, m’ha imbrogliato! Gl’avevo detto ‘he volevo una bellissima rosa , dé…, la miseria ’orre e mi sembrava ’he una rosa sola potesse esse sufficiente e è anche scicche…
– Oreste c’aveva da fa. Stava facendo un sacco di buché, ’on tutti i fiocchi e c’ori rossi, con mutande rosse di trina invece ’he la ’arta, reggiseni rossi ’ntorno alla base del mazzo. Insomma, pareva d’esse in una bottega a luci rosse…
– Così, n’ho detto: Oreste, fammi ’n favore, dammi sta rosa e mi levo di vì… Allora lui m’ha risposto: Come la vòi? Gialla, rosa, bianca o rossa, verde, rosa screziata di rosso, arancione… e continuava a chiacchierà. Allora n’ho detto: O’, la voglio rossa, qui è tutto rosso, perizoma rossi di ‘uì, reggiseni rossi di là, c’ori di tutti i tipi, ce l’avrai ’na rosa rossa!…
– Oreste: Sì. Ce l’ho! Ma come la voi?… Lunga, ‘orta, grande, piccina, carminio…
– Lui: Erminio un c’è, lascialo stà, è di turno sottobordo… Insomma, la voglio rossa, ’he costi po’o, ’he un c’abbia le spine (se la mi moglie un la v’ole, poi me l’arronza dietro…) e che duri tanto tanto…
– E in tre se’ondi, me l’ha ’ncartata e me l’ha messa ‘n mano. Io l’ho presa, ho pagato e sono uscito. Poi l’ho messa in macchina… Un potevo mi’a guidà con la rosa in mano, eh!… Dé, ora la stavo anche a annusà…
– Lei: Maddé… Maddé… Boia dé!… Vabbé…, basta ’r pensiero, ma magari un bigliettino ce lo potevi mètte…
– Lui: O’… Un incominciamo eh?… Lo sai ’he un ho voglia di scrive… Però, ti voglio bene! Se un c’havessi te… Bella mi topa d’oro…
– Lei: Eh sì! Larillallero…, siamo alle solite… ‘on “bella topa” e mi paghi….
Vabbè…, vai a mangià vai. Alla rosa e alla bella topa d’oro ci devo pensà…

Questa voce è stata pubblicata in feste, livornesità, racconti, umorismo e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.